logo fatf

Franco Agostino Teatro Festival

dal 1999 il Teatro dell'Educazione

Giusto

27/05/2017
Festa

Città di Crema

Festa di Piazza “Equilibrio”

Regia: Nicola Cazzalini

Musiche: Pietro Dossena

Cortili di partenza: Palazzo Clavelli (via Mazzini),  Casa di Riposo di via Zurla, Scuola Manziana (via Goldaniga), Campo di Marte (lato via Medaglie d’Oro), spazio Ersaf – ex Stalloni (via Quartierone).

La Festa di Piazza è il momento di restituzione finale del lavoro svolto nei laboratori che si tengono durante l’anno scolastico, e quest’anno è stata ancora più in grande del solito. Hanno partecipato ai laboratori 64 classi appartenenti alle scuole primarie e secondarie inferiori del territorio, per un totale di circa 1400 bambini e 5000 persone coinvolte. La Festa di Piazza “Equilibrio” è stata organizzata in due fasi, una la mattina e una il pomeriggio, ciascuna distribuita su cinque diversi cortili della città di Crema. Ogni cortile ha sviluppato uno spettacolo intero, con una drammaturgia unica, basata sulla fiaba tradizionale Zic Zac e l’albero sospeso, raccolta da Rosa Camuna e scritta e manipolata da Nicola Cazzalini. Tanti cortili, tanti spettacoli, un’unica storia. Partendo dai cinque cortili, i presenti hanno poi comminato in cinque grandi parate accompagnate dalle bande fino a Piazza Duomo, dove i bambini hanno cantato tutti insieme ‘Unico cielo’, il jingle della XIX edizione del Fatf. Per tutta la giornata il centro storico di Crema si è così animato dell’allegria dei più piccoli e della felicità dei più grandi…

Conoscete la favola di Zic e Zac?
È la storia di due bambini che hanno un’idea incredibile per scoprire cosa è “Giusto!”
È un’idea straordinaria e impegnativa, come camminare in equilibrio su una fune, ma che li porta ad un accordo chiaro e leggero.

Si intitola: “Zic e Zac e l’albero sospeso”.
Preparatevi, perchè più di 1200 bambini verranno a raccontarvela.
Nel segreto di alcuni cortili della città.
La stessa storia e tanti modi diversi per raccontarla.
E come sempre è festa: voci, musica e risate faranno brillare la primavera.